CROSTATA RUSSA DI VERONA

Avete mai provato la Torta Russa di Verona?
Una torta con un impasto con frutta secca e amaretti, all’interno di un guscio di pasta frolla.
A me quella torta piace tantissimo, e ho voluto riprovare a farla ma sotto forma di Crostata Russa di Verona!

Il procedimento è molto simile ma rivisitato.
Per fare l’impasto ho usato le nocciole anziché le mandorle, e per arricchire un po’ il dolce ho aggiunto anche della nocciolata tra la pasta frolla della base e l’impasto.
Quindi anziché usare la pasta sfoglia come nella versione classica ho deciso di usare della pasta frolla alla vaniglia per creare il guscio che accoglierà il ripieno.

Il risultato è stata una torta buonissima e del gusto rustico ma ricco!
Questa è inoltre una di quelle torte che il giorno dopo sono ancora più buone (un po’ come tutte!) quindi vi consiglio di prepararla il giorno prima perché il giorno dopo per colazione oppure per merenda sarà davvero buonissima!

Seguimi anche su INSTAGRAM
Leggi anche:

CROSTATA RUSSA DI VERONA
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni10-12
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti (per uno stampo da 24cm)

Per la Pasta Frolla alla Vaniglia

300 g farina 00
100 g zucchero a velo
1 uovo
150 g burro freddo
q.b. estratto alla vaniglia

Per la Farcitura della crostata

75 g burro
2 uova piccole
120 g farina 00
100 g nocciole intere sgusciate
50 g amaretti
100 g zucchero semolato
Mezza bustina lievito in polvere per dolci
150 g nocciolata

Per la Decorazione

q.b. zucchero a velo

Strumenti

Stampo per crostate
Mattarello
Ciotola
Fruste elettriche
Cucchiai
Pentolino

Come preparare la Crostata Russa di Verona

Come preparare la Pasta Frolla alla vaniglia

Iniziate preparando la pasta frolla che dovrà poi riposare in frigorifero.
Nella ciotola della planetaria (o in una ciotola se impastate a mano) mettete la farina 00, lo zucchero a velo, il burro, l’uovo e l’estratto alla vaniglia.

Impastate per bene gli ingredienti e formate un panetto.
Con un mattarello stendetelo su un piano di lavoro leggermente infarinato e trasferitelo su uno stampo da crostata.

Io ho uno stampo da crostata con fondo removibile, per questa crostata ho usato QUESTO stampo, quindi non lo imburro perché si stacca molto facilmente già da se.
Altrimenti imburrate ed infarinate il vostro stampo da crostata.

Mettete quindi lo stampo della crostata in frigorifero a riposare per 20-30 minuti.

Come preparare la Farcitura della Crostata Russa di Verona

Per prima cosa sciogliete il burro in un pentolino e fatelo raffreddare mentre preparate il resto dell’impasto..

Prendete 50 gr di nocciole dal totale indicato negli ingredienti e tritatele assieme agli amaretti fino a ridurli totalmente in polvere.

In una ciotola montate le uova con lo zucchero semolato fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
Con la planetaria sempre in movimento (oppure con il frullino sempre attivo, se ne usate uno elettrico!), aggiungete quindi anche la farina 00, la farina di nocciole ed amaretti tritati che avete ottenuto prima, ed il lievito in polvere per dolci.
Infine aggiungete anche il burro sciolto.

Riprendete quindi lo stampo della crostata che stava riposando in frigorifero e stendete sopra la pasta frolla la nocciolata.
Io non ne ho messa tanta, giusto un velo, ma se volete fare i golosi potete essere anche più generosi!

Riprendete anche i 50gr di nocciole che avevate tenuto da parte e tritatele grossalanamente.
Io ho usato un coltello, ma eventualmente potete anche usare il mixer – importante è che rimangano a pezzetti grossolani per dare un tocco croccante alla crostata!

Infine coprite con la farcitura che avete preparato.
livellate per bene ed infornate a forno già caldo a 180° per circa 35-40 minuti.
Fate pure la prova stecchino per vedere se la crostata è cotta.

Una volta tolta dal forno e raffreddata decoratela con dello zucchero a velo a piacere.

CONSERVAZIONE:
Conservate la crostata russa di Verona in un luogo asciutto per 3-4 giorni al massimo.

CONSIGLIO:
Per una versione diversa potete sostituire le nocciole con le mandorle.
Oppure potete sostituire la nocciolata con della marmellata: secondo me ci starebbe bene la marmellata di arancio o di fichi!


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *