CROSTATA CLASSICA CON FRUTTA FRESCA

Oggi vi lascio la ricetta di un grande classico della pasticceria italiana, uno di quei dolci che non stancano mai e che piacciono quasi a tutti: la crostata classica con frutta fresca!

Un guscio di pasta frolla burrosa, una crema pasticciera cremosissima (grazie ad un trucchetto!) e una bella disposizione di frutta fresca – elegantissima e mai banale.
Sì, perché vi basta cambiare la frutta fresca ogni volta che la preparate per ottenere sempre un dolce diverso.
Potete usare frutta di stagione o utilizzare della coloratissima frutta tropicale, ricordatevi però di coprirla sempre con della gelatina per evitare che la frutta ingiallisca!

Per fare la crostata io uso sempre uno stampo a sfondo removibile – trovo che siano molto più comodi per poi togliere il guscio di frolla dallo stampo evitando la rottura della frolla stessa.
Io uso uno stampo grandezza 24cm di diametro, uso QUESTO.

Seguimi anche su INSTAGRAM
Leggi anche:

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni10-12 fette
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàPrimavera, Estate

INGREDIENTI (per una crostata da 24-25cm)

Per la Pasta Frolla

400 g farina 00
4 tuorli
180 g zucchero semolato
250 g burro
buccia di un limone

Per la Crema Pasticciera

500 ml latte
150 g zucchero semolato
6 tuorli
55 g amido di mais (maizena)
30 g burro
buccia di un limone

Per la Decorazione

2 kiwi
150 g lamponi
125 g mirtilli
10 fragole
100 g more
54 ciliegie
q.b. gelatina spray

Strumenti

Pentolino
Spatola
Mattarello

Come preparare la Crostata con Frutta Fresca

Per preparare la Pasta Frolla al Burro

La pasta frolla al burro necessita di riposo in frigo quindi potete prepararla il giorno prima o comunque considerate che deve appunto riposare in frigo per almeno 2 ore.

Nella planetaria mettete il burro freddo di frigo tagliato a cubetti ed aggiungete lo zucchero semolato e la scorza del limone grattugiata.

NOTA BENE: per le crostate di frutta a me piace aromatizzare la pasta frolla con della scorza del limone, ma in alternativa potete anche aromatizzarla con dell’essenza di vaniglia, con della buccia di arancia o con dell’aroma di mandorla o rum!

Mescolate bene il tutto senza però smontare troppo il burro!
A questo punto aggiungete anche i tuorli incorporandoli uno alla volta – fate attenzione a non aggiungere il secondo tuorlo finché il primo non si sarà ben amalgamato.

Infine aggiungete anche la farina 00, incorporando anche questa a più riprese.

Mescolate bene il tutto, aiutandovi anche con le mani, fino a formare un bel panetto morbido e liscio.

Attenzione a non lavorarlo troppo!
Rivestite il panetto con della pellicola trasparente e fatelo appunto riposare in frigorifero per almeno 2 ore.

Come preparare la Crema Pasticciera

Mentre la pasta frolla riposa preparate la crema pasticciera.

In un pentolino mettete a scaldare il latte con la buccia del limone e portatelo a sfiorare il bollore.
Nel frattempo che il latte si scalda mettere in una ciotola i tuorli e lo zucchero semolato – mescolateli energicamente con una frusta finché non si saranno ben amalgamati e saranno leggermente spumosi.
Attenzione, non serve montarli eh, devono solo essere amalgamati e leggermente spumosi!

Aggiungete quindi anche l’amido di mais al composto di tuorli e zucchero e mescolate per bene.

Quando il latte sarà caldo, togliete la buccia del limone, e versatelo sul composto di uova, ottenendo una crema liscia.

Ritrasferite tutto sul pentolino e, mescolando in continuazione a fuoco medio, fate cuocere la crema pasticciera.

Se avete un termometro da cucina utilizzatelo, la crema dovrà essere tolta dal fuoco una volta raggiunti gli 85° – io uso un termometro molto basico, niente di troppo complicato, ma che fa davvero bene il suo lavoro: uso QUESTO termometro.

In questo modo la crema pasticciera sarà morbida e non avrà quel fastidioso odore di uova!

Se non avete il termometro, togliete la crema quando vedrete le prime bolle in superficie.

Trasferite quindi la crema ancora calda in una pirofila e aggiungeteci il burro, mescolando fino a scioglierlo completamente (il burro la renderà cremosisssima!).

Rivestite la teglia con la pellicola trasparente, avendo cura di metterla a contatto con la crema per evitare che si formi la fastidiosa pellicina.

Fate raffreddare la crema pasticciera prima a temperatura ambiente, poi spostandola in frigorifero.

Come assemblare e decorare la Crostata di Frutta Fresca

Riprendete la pasta frolla al burro e stendetela su un pianto di lavoro leggermente infarinato.
Stendetela abbastanza fine, con uno spessore di 3-4mm

Rivestite con la pasta frolla uno stampo da crostata (io uso questo) ed infornate a 180° per circa 20 minuti.

La cottura senza crema si chiama cottura in bianco.

NOTA BENE: per evitare che la frolla si gonfi in forno, prima di infornarla bucherellate il fondo della crostata con una forchetta e mettete un foglio di carta forno sopra la frolla.
Aggiungete quindi un peso (io uso dei fagioli secchi) – in questo modo la frolla non si gonfierà!

Infornate e, dopo 10 minuti, riaprite il forno per togliere la carta forno con il peso.
Continuate la cottura per altri 10 minuti circa – finché il fondo non sarà ben dorato.

Una volta cotta aspettate 15 minuti affinché essa si raffreddi, anche solo leggermente.
Farcite con la crema pasticciera e lasciate raffreddare completamente – basterà una mezz’ora circa!

Quando la crostata si sarà raffreddata decoratela con la frutta fresca.
Ovviamente non c’è una regola precisa di come decorarla, andate a piacimento!

Io ho tagliato i kiwi a mezzelune, le fragole a fette e ho usato mirtilli, lamponi, more e ciliegie.
Una volta disposta la frutta sopra la crema pasticciera ricopritela con della gelatina spray.

CONSERVAZIONE
Conservate la crostata classica con frutta fresca in frigorifero per 2-3 giorni.

CONSIGLIO
Per una crostata di frutta più elegante usate i frutti di bosco come lamponi, more, mirtilli e fragole.


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *